Fuerteventura: spiagge, cosa fare e vedere

Non è un caso se gli spagnoli la chiamano “isla tranquila”, l’isola tranquilla. Rispetto alle sue sorelle più famose, vale a dire Tenerife e Gran Canaria, l’isola di Fuerteventura è un luogo in cui trascorrere delle vacanze rilassate, all’insegna del mare, della natura e della buona cucina. Da queste parti non troverete gli agglomerati di bar e di discoteche che vi sono in altre zone dell’arcipelago delle Canarie, ma avrete la possibilità di godere di spiagge di sabbia bianca e di un mare cristallino. Ma l’isola è un paradiso anche per chi pratica il windsurf, grazie al vento che spira sulla zona. Fuerteventura è anzi uno dei migliori posti al mondo per praticare questo sport. Coloro che amano il surf, invece, devono recarsi sull’isola nei mesi invernali, quando le onde sono lunghe e regolari. Fuerteventura è molto frequentata dai nudisti ed il naturismo è tollerato sulla gran parte delle sue spiagge.

 

Spiagge

Se avete voglia di rilassarvi in spiaggia farete bene a recarvi nella parte centro-orientale di Fuerteventura, che è almeno in parte protetta dai venti. Il mare, da queste parti, è certamente più calmo. Una delle spiagge più famose è la Playa Blanca, che è una striscia di sabbia lunga un chilometro e posizionata nei pressi di Puerto del Rosario, la principale località dell’isola. E’ molto popolare anche la Playa de Sotavento, che oltre ad essere lunga è anche molto larga: in alcuni punti vi sono più di duecento metri tra l’inizio della spiaggia ed il mare. La Playa de Sotavento, che si trova sulla costa sud-occidentale, è un ottimo posto per praticare il windsurf.

 

E’ sulla costa nordo-ccidentale, tuttavia, che si trova la maggior parte degli spot per coloro che amano surf e windsurf. E’ possibile praticarli entrambi a El Burro, località situata tra Playa del Moro e Playa de Los Matos. Vicino a Corralejo, invece, ci sono tre punti che invitano a salire su una tavola: Flag Beach, Rocky Point e Shooting Gallery. Le spiagge più belle sono quelle che si trovano sugli isolotti di Los Lobos, situati di fronte alla parte settentrionale dell’isola.

 

Betancuria e parco di Corralejo

Il mare non è l’unica attrazione dell’isola di Fuerteventura. Anche nell’entroterra, infatti, vi sono alcune splendide località che sono raggiungibili con un’escursione di un giorno dalle principali mete turistiche della costa. Merita certamente una visita il pittoresco villaggio di Betancuria, dove è possibile visitare le rovine del monastero francescano e la bella chiesa di Santa Maria, risalente al XVII secolo. E’ molto interessante anche il parco naturale di Corralejo, dove si trovano alcuni vulcani inattivi, dal caratteristico colore rossastro, e una serie di dune che danno vita ad un piccolo deserto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *