Formentera: spiagge, cosa vedere e fare

Formentera è più selvaggia e meno turistica della vicina Ibiza. L’isola di Formentera ospita spiagge stupende, offre un’atmosfera rilassata ed è un’ottima meta per chi vuole praticare gli sport acquatici. La vita notturna è concentrata nei bar che si trovano in riva al mare.

 Se vi arrivate da Ibiza, vi accorgerete subito che Formentera è molto più selvaggia e molto più tranquilla. E se volete è anche più bella. Formentera batte la sorella maggiore su tutto ciò che riguarda il mare e le spiagge, poiché il turismo è stato meno invasivo. In questo modo si è riusciti a conservare, almeno in parte, le bellezze naturali dell’isola. Ma Ibiza, che vive di notte più che di giorno, vince la sfida della movida, se per movida intendiamo quella dei grandi club e dei dj più famosi. Anche a Formentera potrete passare una serata in discoteca, ma sull’isola sono molto più in voga l’aperitivo e le serate trascorse nei bar che si trovano sulla spiaggia. Quella dell’aperitivo è una moda importata dagli italiani, che sono tra i più assidui frequentatori di Formentera.

 

Il modo più facile per raggiungere l’isola, che non ha un suo aeroporto, è con mezz’ora di traghetto da Ibiza. Ricordate inoltre che a Formentera non vi è un larghissimo numero di strutture ricettive, almeno se si confronta la situazione con quella delle isole vicine, ma le tipologie delle sistemazioni soddisfano qualsiasi budget di spesa. Il consiglio è di prenotare con largo anticipo, soprattutto se si vuole visitare l’isola durante i mesi estivi. Formentera è la più piccola delle isole principali delle Baleari e il naturismo è tollerato su molte delle sue spiagge.

 

Es Pujols e La Savina

L’isola di Formentera ha una superficie di soli 80 chilometri quadrati e gli spostamenti da una zona all’altra non sono certo un problema. La zona più turistica è quella di Es Pujols, che si affaccia su una baia situata nella costa nord-orientale dell’isola. A Es Pujols troverete una distesa di sabbia di 700 metri e tutti i servizi di cui potreste avere bisogno: bar, ristoranti, sdraio ed ombrelloni, attrezzature per praticare windsurf e parasailing. A nord di Es Pujols ci sono altre due belle spiagge, entrambe molto frequentate: Platja de Llevant e Platja de Ses Illetes. La prima è lunga un chilometro e mezzo, ed è divisa in tante piccole baie che si affacciano su acque cristalline. La seconda prende il suo nome dalle isole di Espalmador che si trovano di fronte ad essa. In alcuni punti la Platja de Ses Illetes è bagnata su entrambi i lati, mentre in altri punti è circondata dalle dune. La zona è molto interessante anche dal punto di vista naturalistico, poiché fa parte della riserva delle Ses Salines. In quest’area è possibile affittare l’attrezzatura per immergersi.

 

Quattro chilometri dopo la spiaggia si giunge alla località di La Savina, che è anche il porto di arrivo dei traghetti. Le strutture ricettive sono abbastanza diffuse anche in quest’area. A La Savina vi è una spiaggia da cui si può ammirare il panorama su Ibiza, mentre poco più in là del porto c’è l’altra spiaggia di S’Estany d’Es Peix, dove si possono praticare un gran numero di sport acquatici.

 

Cala Saona e Migjorn

Potrete trovare spiagge attrezzate anche sugli altri versanti di Formentera. Sulla costa occidentale c’è la spiaggia di Cala Saona, che è una delle più belle dell’isola. Nonostante sia molto frequentata, Cala Saona conserva un aspetto naturale e vanta sabbia bianca e fine. A sud, invece, c’è la distesa di sabbia di Migjorn, che con i suoi quattro chilometri è la spiaggia più lunga di Formentera. Migjorn è circondata dalla vegetazione mediterranea ed ospita alcuni bar in cui partecipare al rito dell’aperitivo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *