Vacanze in Calabria: dove andare e i posti con le spiagge migliori

La Calabria è un territorio che offre tante possibilità, si può raggiungerla in auto attraversando tutto lo stivale, oppure in traghetto sino a Villa San Giovanni (porto di Reggio Calabria) o ancora in aereo, dove poi affittare un’auto o una moto in modo da essere completamente liberi di decidere cosa vedere e dove fermarsi a proprio piacere.

Offre ospitalità per ogni gusto e tasca, da hotel di lusso a piccole pensioni, molte le case ed appartamenti da affittare, oppure consigliamo di organizzare le prenotazioni strada facendo in B&B o campeggi, magari programmando sole le prime due/tre notti e poi spazio alla fantasia….

Il tour inizia costeggiando il mar Tirreno, arrivando fino a Reggio Calabria e risalendo la Costa Jonica, dopo aver lasciato alle spalle la tanto famigerata Autostrada Salerno-Reggio Calabria si arriva alla prima tappa:

Costa dei cedri: la vacanza a mare all’insegna del relax

Praia a Mare e San Nicola Arcella

Praia a Mare è una località balneare molto importante per le strutture turistiche che offre direttamente di fronte all’Isola di Dino, le spiagge di sabbia sono attrezzate con stabilimenti balneari che offrono anche la possibilità di raggiungere l’isola con gite organizzare per far visita alle grotte. Noi vi consigliamo di noleggiare canoe e pedalò che danno la possibilità di raggiungere il largo per un tuffo “solitario e rinfrescante” ed entrare nelle grotte alla scoperta delle trasparenti acque azzurre.

Il centro storico offre locali di ogni genere per trascorrere una piacevole e divertente vacanza, da non perdere un buon gelato e una cena di pesce.

 

Una veloce sosta a San Nicola Arcella è d’obbligo per poter vedere una delle baie più belle della Calabria, la piaggia dell’Arco Magno, raggiungibile dal litorale in Loc. Marinella (fate attenzione se dovete parcheggiare, la Polizia Locale è sempre allerta!!!!), anche qui esistono gite organizzate con barche del posto, ma vi assicuriamo che con una buona nuotata o con una canoa potete raggiungere la baia da soli ed in questo modo potrete farvi un bel bagno nelle acque cristalline.

Fuscaldo e Guardia Piemontese

Qui si incontra la Calabria che uno si aspetta, si lasciano alle spalle borghi e cittadine più rinomate come Cirella e Diamante, da ricordare per il famosissimo Festival che si svolge tutti gli anni nel mese di settembre, una manifestazione a livello mondiale durante la quale sua maestà il Peperoncino Calabrese sarà al centro di tante occasioni di incontro con rassegne cinematografiche, teatrali ed ovviamente tante opportunità culinarie per imparare ad apprezzarlo in ogni portata.

Ma tornando a Fuscaldo, il territorio è brullo con un senso di “abbandono” alla proprio terra ed alla propria gente, con piantagioni tipiche della zona e tanti allevamenti, e poi c’è sempre il mare, che cambia il suo colore in base all’ora della giornata, ma che non tradisce ogni aspettativa. Le spiagge sono lunghe e quasi interamente libere, gli spazi sono ampi e la tranquillità rende la giornata indimenticabile.

Guardia piemontese è un piccolo borgo posto sulle prime colline della Sila, sembra controlli il territorio sottostante sino ad arrivare al mare, vi si trova anche un centro termale nulla a che vedere con una SPA moderna, ma che per posizione e servizi non ha nulla da invidiare a centri benessere a 5 stelle.

La Costa Viola

Tropea

Tropea è probabilmente la località turistica più famosa di tutta la Calabria, oggi ha circa una popolazione di 7000 abitanti che in estate si quadruplica.

Durante la stagione estiva tutto il centro ed il lungomare sono chiuse al traffico, dando la possibilità di godere del mare dei tantissimi negozi, oltre a tantissime possibilità di ristorazione dallo street food a ristoranti di qualità.

Da visitare la Chiesa di Santa Maria dell’Isola costruita su un promontorio roccioso, che si raggiunge con una bellissima scalinata panoramica; il Duomo che conserva al suo interno la grande icona della Madonna della Romania rimasta intatta nonostante due bombardamenti e i sismi che hanno segnato questo territorio.

Le spiagge si raggiungono facendo delle lunghe scalinate, ma vi assicuriamo che ne vale la pena, da non dimenticare il tramonto dalla balconata posta alla fine di Corso Vittorio Emanuele.

Altre località nei pressi di Tropea da non dimenticare sono: Briatico, Ricadi, Capo Vaticano, e

Pizzo

Un borgo arroccato sul golfo di Sant’Eufemia, non c’è un giro consigliato, basta girovagare per i vicoli ed arrivare a Piazza della Repubblica come meta finale e dove dovrete concedervi un ottimo Tartufo di Pizzo (che oggi viene proposto in diversi gusti, ma vi consigliato il tradizionale alla crema e cuore di cioccolato), con visita obbligata al Castello Murat, dove dalla sua terrazza si domina la marina.

Nei Pressi di pizzo si trova la Chiesetta di Piedigrotta, per risparmiare fate il biglietto abbinato all’ingresso del Castello Murat. L’acceso alla chiesetta si fa imboccando il sentiere per la spiaggia e dal suo interno sarete accolti da tante figure scavate nella pietra che rappresentano diversi momenti della vita santa.

Si continua a scendere verso sud, sino a raggiungere….

Reggio Calabria

L’antica Rhegion greca è la città più importante della Regione Calabria, forse anche più famosa dello stesso capoluogo Catanzaro. Oggi è per così dire un cantiere aperto, la sua trasformazione non è ancora completata, tutto ha inizio con la sistemazione del lungomare avvenuta nell’anno 2000, una sorta di lunga balconata con affaccio sullo stretto. Assolutamente da non perdere!!!! Già definito da gabriele D’Annunzio il chilometro più bello d’Italia.

Una bella passeggiata tra le palme e gli alberi secolari mangiando un favoloso gelato, vale la visita della città.

Da non perdere anche il Museo Archeologico Nazionale, posto all’estremo nord di Corso Garibaldi, per vedere pochissime opere tra le quali spiccano i perfetti Bronzi di Riace. A nostro avviso il museo è un po’ disorganizzato e molto povero di opere, per questo armatevi di tanta pazienza. Tra i palazzi in stile liberty, costruzione greche e romane a fare da cornice a Corso Garibaldi, si trova il Castello Aragonese e dopo pochi passi vi troverete davanti al duomo della Città, con una facciata appena ripulita e restaurata, che mette in risalto l’epoca di costruzione e la brillantezza del bianco su cui riflette il sole. L’interno del Duomo è particolarmente povero che evidenzia quanto sia più importante la genta che lo riempie ad ogni funzione che i mille dipinti o decori che potrebbe raccogliere.

Dopo la visita puramente culturale Reggio racchiude anche mille possibilità di divertimento, shopping e con tantissime possibilità di ristorazione, da quella povera da strada a raffinati ristoranti sul lungomare o addirittura sulla spiaggia.

Lasciando la città alla spalle iniziamo la risalita della costa Ionica ed immediatamente si capisce che da queste parti è ancora viva la vita “povera” e con basi legate alla famiglia ed al lavoro nei campi. Il mare non ci abbandona ed il suo colore blu intenso fa da guida ad ogni turista, si macinano chilometri sino ad arrivare al piccolo borgo di Davoli posto a circa due chilometri da Soverato, meta molto più turistica e confusionaria.

Davoli e la costa Jonica

Come la maggior parte dei comuni calabresi si divide tra “Davoli”, il borgo nell’entroterra, e “Davoli marina o lido”, che è la parte con affaccio sul mare. Vale sempre la pena un giro anche nei borghi interni dove si può immergersi nella vita dei residenti toccando con mano le realtà contadine.

Con brevi tragitti in auto si raggiungono le spiagge più suggestive che elenchiamo e che vale la pena visitare: Badolato, Montepaone, Pietragrande, Caminia, Punta di Staletti, Lido di Squillace. Ogni spiaggia è dotata sia di stabilimenti balneari organizzati sia di ampie porzioni di aree libere. L’unico impiccio è il parcheggio, il nostro consiglio è quello di noleggiare un motorino che vi permette di raggiungere anche le calette più nascoste.

 

Per concludere, un ultimo motivo per visitare la Calabria è il cibo, perché oltre a portarvi a casa il ricordo del mare turchese, delle infinite spiagge, delle numerose chiese, delle spine dei fichi d’india, del colore rosso intenso dei peperoncini … sicuramente avrete anche qualche chilo in più di pancetta!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *