Tag Archives: Cosa vedere a Trapani in un giorno

Cosa vedere a Trapani

Trapani è situata nell’estremo lembo occidentale della Sicilia ed è circondata per tre lati dal mare. Ogni blog di viaggio che si rispetti si è soffermato su questa città poiché non è solo ricca di storia e tradizioni, ma anche molto vivace dal punto di vista culturale ed economico.

Negli ultimi anni il turismo ha conosciuto uno sviluppo esponenziale, cui ha contribuito la realizzazione della sede distaccata dell’Università di Palermo, tanto che prenotare un albergo a Trapani significa poter scegliere, tra le tante offerte, quella che più si avvicina alle nostre esigenze.

La città è facilmente raggiungibile in aereo, mentre il Porto offre partenze per Pantelleria, Tunisi, le isole Egadi, Cagliari e Livorno. Passeggiare per Trapani significa ripercorrere la storia della città, una storia molto ricca perché conserva testimonianze architettoniche e artistiche di svariati periodi storici: dal romanico della Chiesa di S. Maria del Gesù, al Palazzo della Giudecca in pieno stile rinascimentale, la Cattedrale di S. Lorenzo e la Chiesa e collegio dei Gesuiti in perfetto stile barocco, fino allo stile liberty del Palazzo delle Poste e della Casina delle Palme. Per non parlare poi delle splendide testimonianze di architettura industriale che offrono le sue Saline, facenti parte della Riserva Naturale Orientata Saline di Trapani e Paceco gestita dal WWF, che organizza visite guidate per scolaresche o gruppi di turisti. Trapani custodisce inoltre opere d’arte di alcuni tra i più noti pittori e scultori a livello mondiale, come la Crocifissione attribuita al Van Dick, la terracotta smaltata raffigurante la “Madonna degli Angeli” di Andrea della Robbia, una Madonna con bambino attribuita a Nino Pisano. Da visitare il Museo di Preistoria e il Museo Regionale Agostino Pepoli, che conserva oltre un vasto repertorio di testimonianze della lavorazione del corallo nella città sin dal XV – XVI secolo, anche dipinti di Tiziano e Giacomo Balla. Tra le manifestazioni che attirano turisti e curiosi da ogni parte d’Italia la Processione dei Misteri, dove 20 gruppi scultorei realizzati nel XVII – XVIII secolo, e raffiguranti le passione di Cristo, vengono portati a spalla per le vie cittadine.