Ibiza: cosa vedere sull’isola della trasgressione

Ibiza, l’isola della trasgressione… e non solo! Bella di giorno, fantastica la notte!!

L’isola è conosciuta prevalentemente per le sue discoteche, le serate e la trasgressione che si concetra così in pochi altri luoghi. In realtà è una località marina molto carina. Ci sono calette magiche come Cala d’Hort, presieduta dall’isolotto di es Vedrà; altre di bellezza singolare come le Platges de Comte, angoli poco frequentati, come Pou des Lleó e spiagge grandi e familiari come Platja d’en Bossa o Es Figueral. Le spiagge di Les Salinas ed Es Cavallet si trovano in zone naturali protette, con un sistema di dune di grande valore ecologico. Le spiagge dell’isola spiccano per la loro bellezza e per le acque turchesi e trasparenti, grazie alla Posidonia Oceanica, riconosciuta dall’UNESCO come Patrimonio dell’Umanità. Al loro valore ecologico e ambientale uniscono la possibilità di trovare nei loro pressi reperti di civiltà passate, come nel caso del paese fenicio di Sa Caleta e delle antiche torri di difesa sparse per tutto il litorale. Inoltre nella maggioranza delle spiagge è possibile praticare ogni tipo di sport nautico.

La capitale, Ibiza, mantiene un centro storico con case bianche e strade strette affollate, su cui si affacciano negozi che offrono gli articoli più stravaganti, i mercatini, i bar che servono la Yerbas: il liquore tipico a base di erbe che crescono sull’isola, i ristoranti che propongono una cucina a base di pesce e frutti di mare.  Con la sua cinta muraria, vicoli e monumenti come il Castello o la Cattedrale è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità. La città accoglie anche le principali istituzioni dell’isola e offre numerosi servizi a viaggiatori e residenti, come ospedali, porto sportivo o zone commerciali. Il Barrio de La Marina, il Paseo de Vara de Rey o la Plaza de Vila sono alcuni dei centri nevralgici della città, piena di vita. Dispone anche di interessanti musei, come quello Archeologico o quello di Arte Contemporanea, e importanti zone storiche, tra cui: la necropoli di Puig des Molins e gli antichi sistemi di irrigazione conosciuti come ‘Portals de Feixa’.

Tutta l’isola è ben collegata, sia di giorno che di notte, da una linea di autobus per il centro città. In alternativa trovate i taxi, abbastanza economici se si viaggia al completo!

I prezzi per il soggiorno sono modici, si trovano tutte le soluzioni.. dall’appartamento all’albergo o al villaggio. Certo è che ogni età a Ibiza ha il suo perchè!! Io me la sono goduta col senno dei vent’anni! Ciò non toglie che ci si possa andare con figli o con un età diversa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *