Cuba: guida e consigli di viaggio

Cuba è l’isola più grande tra quelle situate nel Mar dei Caraibi ed è una meta adatta ad ogni tipo di turista. In viaggio da L’Avana a Cayo Largo, da Varadero a Santa Clara, visiterete spiagge da sogno e vita notturna, monumenti coloniali e luoghi legati alla rivoluzione.

Giovani in cerca di divertimento, famiglie da vacanza in spiaggia, uomini soli a caccia di donne latine, nostalgici comunisti sulle tracce di “Che” Guevara. Cuba attira una variegata tipologia di turisti ed è quasi certo che avete almeno una ragione, tra le mille possibili, per recarvi su quella che è la più grande isola dei Caraibi. Il turismo da queste parti è una delle industrie principali e troverete facilmente sia strutture di lusso, sia alloggi più economici come le “casas particulares”. E’ durante l’epoca comunista che Cuba è diventata una popolare meta per i viaggiatori europei e in particolare per gli italiani, ma era dedita al turismo anche prima che Fidel Castro prendesse il potere. Ai tempi della dittatura di Fulgencio Batista, l’isola attirava migliaia di facoltosi turisti statunitensi, ma anche gli investimenti delle mafie italo-americane.

L’Avana e Cayo Largo

Con i suoi decadenti edifici di epoca coloniale e le rumorose automobili americane degli Anni ’50, L’Avana è certamente un luogo magico per chi è in cerca di atmosfere di altri tempi. Camminando in città vi sembrerà costantemente di essere tornati indietro nel tempo, una sensazione che avrete in particolare lungo le strade di L’Avana vecchia, dichiarata “Patrimonio dell’Umanità” dall’Unesco, e nella gigantesca Plaza de la Revolucion, con l’immagine di Che Guevara che la sovrasta. E certamente non resisterete alla tentazione di unirvi alla folla che passeggia sul Malecon, gli otto chilometri di lungomare che collegano il porto al quartiere di Vedado. Prima di spostarvi in altre zone dell’isola, non dimenticate di degustare due dei principali prodotti di L’Avana: prima tappa alla fabbrica dei sigari, seconda tappa a quella del rum Havana Club. Ad ovest di L’Avana vi sono diverse località di mare dove è possibile trascorrere qualche piacevole giornata in spiaggia. La più famosa è la piccola isola di Cayo Largo, che si trova di fronte alla costa nord-occidentale di Cuba. Cayo Largo è un luogo per rilassarsi e per prendere il sole: rispetto ad altre località cubane è certamente meno movimentata.

Varadero

L’idea che avete delle spiagge dei Caraibi si materializzerà appena arriverete a Varadero. Qui vi è tutto ciò che un turista può desiderare: resort con ogni confort, sabbia bianca e fine, mare azzurro e limpidissimo. Ma Varadero è anche un mondo a parte, se confrontato al resto di Cuba. La località è un’enclave per turisti a cui i locali hanno un accesso limitato, ed è appositamente pensata per soddisfare le esigenze dei clienti stranieri. Tra le escursioni più gettonate vi è quella a Cayos Blancos, un’isola che si trova nei pressi di Varadero. La gita sarà l’occasione per ammirare la barriera corallina, ma anche per fare festa, poiché l’alcool scorre a fiumi sulle imbarcazioni per turisti. Una serata tipica a Varadero, invece, sarà caratterizzata da una cena a base di pesce e da tanto divertimento notturno. Potrete decidere di andare in discoteca o di ascoltare un po’ di musica dal vivo, ovviamente sorseggiando un mojito. Una buona alternativa è lo show delle ballerine del Tropicana, il più famoso locale notturno di Cuba.

Sulle orme del “Che”

Ognuno di noi li ha sentiti dire, almeno una volta, che vogliono recarsi a Cuba prima che muoia Fidel Castro. Sono i nostalgici del “Che”, quelli che hanno letto tutti i suoi libri e che hanno almeno una maglietta con il volto del guerrigliero argentino. Se anche voi rientrate in questa categoria, allora non potrete far altro, una volta lasciata Varadero, che recarvi in quella che è per eccellenza la città di Ernesto “Che” Guevara: Santa Clara. E’ qui che si svolse una delle battaglie più famose della rivoluzione cubana ed è qui che si trovano i resti del “Che”, all’interno del mausoleo dedicato ai caduti cubani. Raggiunta la costa meridionale valgono certamente una visita le splendide città di Cienfuegos e di Trinidad, entrambe caratterizzate da un centro storico in stile coloniale. L’ultima tappa potrebbe essere l’ex capitale Santiago. La città, fondata nel 1514, è stata una roccaforte dei castristi ed è da qui che è partita la rivoluzione cubana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *