Uncategorized

Le donne viaggiatrici nella storia

Non è semplice, generalizzando talvolta certe osservazioni, affermare che le donne viaggiano in modo differente dagli uomini. Di certo esistono alcune caratteristiche che rendono il “viaggio femminile”, sotto alcuni aspetti, differente. Alla base del viaggiare, c’è per entrambi, uomini e donne, lo stesso bisogno di partire, lo stesso desiderio di libertà, l’identica irrequietezza e sete di scoprire. Il concetto di viaggio tuttavia non ha sesso. Prendendo, ad esempio, in considerazione, alcune etimologie, scopriamo che “viaggio” in italiano è maschile, ma originariamente in latino, la parola era neutra: viaticum, cioè “attrezzatura per la via”. In tedesco die Reise è femminile, mentre in francese e in spagnolo è maschile: voyage, e viaje.

In realtà, è stato differente il percorso storico che viaggiatori e viaggiatrici hanno dovuto affrontare. Le donne in questo, come in altri campi, hanno dovuto conquistare lo stato di “viaggiatrici” e farlo accettare tanto agli uomini quanto alle donne che restavano a casa. Ancora nella prima metà del novecento, un giornalista scriveva “due qualità caratterizzano i viaggiatori: il coraggio e la fiducia in se stessi, entrambi risaputamente maschili”. Probabilmente le donne, come sosteneva Mary Wollstonecraft, la loro più grande battaglia l’hanno combattuta contro se stesse, e nello specifico contro quella visione del mondo trasmessa da generazioni, contro gli stereotipi e le immagini di sé a cui erano state educate. Anche gli uomini, tuttavia, sono stati, in qualche modo, vittime degli stessi ruoli e dell’immaginario che essi stessi avevano costruito: il viaggiatore solitario, l’eroe senza macchia, il coraggioso e intrepido esploratore, il cavaliere errante, e così via…

Al’inizio, come è facile immaginare, le donne che incominciarono a viaggiare furono poche: erano avventuriere, oppure donne appartenenti alla nobiltà, in seguito vi sarebbero state viaggiatrici di provenienze culturali e sociali differenti. Lo sguardo con cui le viaggiatrici hanno osservato i paesi visitati, ha dato origine alle particolarità del viaggio femminile. In primo luogo, l’attenzione per i dettagli, che investe non solo l’aspetto geografico, antropologico o storico delle mete di viaggio, ma anche tanti aspetti, per così dire minori legati alla vita quotidiana. Le donne osservano spontaneamente il modo di vestire, gli oggetti usati nella quotidianità, l’alimentazione, le abitudini familiari, il modo in cui i figli venivano allevati, e come le specifiche culture abbiano abituato gli individui a esprimere le proprie emozioni, sia nel privato che nella collettività.

Spesso le donne hanno fissato le proprie osservazioni sulla carta: nei diari, in autobiografie, e soprattutto nelle lettere indirizzate ad amanti, genitori, mariti o figli, ma anche ad altre donne, sorelle o amiche. Le viaggiatrici non hanno raccontato soltanto, con ricchezza di dettagli, la vita del luogo visitato, ma hanno parlato ampiamente di se stesse: emozioni, pensieri, ragionamenti e soprattutto sentimenti comunicati al mondo esterno con profondità o con una naturalezza che in questo caso, si può concludere, tipicamente femminili. Il viaggio di una donna dunque, sembra essere stato, prima di tutto, un’occasione per compiere un viaggio indisturbato nelle profondità di se stessa.

 

Liquidi nel bagaglio a mano: cosa portare e limiti in aereo

Il regolamento ufficiale prevede il trasporto in cabina di liquidi contenuti nel bagaglio a mano in piccoli contenitori da 100ml ciascuno, fino ad un totale di 1000 ml (1 litro).

I liquidi dovranno essere messi in un sacchetto di plastica richiudibile che può essere grande fino a 20×20 cm e deve essere messa fuori dal bagaglio a mano per poter essere controllata.

Bagaglio a mano: cosa possiamo portare

I liquidi che possiamo portare nel bagaglio a mano sono:

 

  • Acqua e bevande, sciroppi e alimenti per l’infanzia
  • Creme, oli e lozioni
  • Spray
  • Gel per capelli e per doccia
  • Profumi
  • Contenuto di recipienti sotto pressione come schiume, aerosol e deodoranti
  • Dentifrici e altri tipi di paste
  • Liquidi e solidi miscelati
  • Mascara

 

Queste regole valgono per tutte le compagnie, da Vueling a Easy Jet passando per Volotea e Alitalia.

 

Bagaglio a mano: quali sono le eccezioni

Le eccezioni sono le medicine per bambini, come si è già potuto capire, perché possiamo portare con noi il latte per bambini, quello in polvere, l’acqua sterilizzata ed altri alimenti pure se vanno oltre il limite consentito. I medicinali, infine, possono essere portati a bordo pure se superano i 100 ml ma è indispensabile avere con sé una ricetta medica.

 

Che liquidi si possono portare nel bagaglio da stiva?

I limiti per i liquidi imposti per il bagaglio a mano non valgono per il bagaglio da stiva dove, invece, non esistono limitazioni sulla quantità trasportabile. Ciò che è richiesto è un perfetto imballaggio dei contenitori di vetro e delle bottiglie trasportate.

 

Viaggio di nozze: mete economiche per un viaggio da sogno

viaggio di nozze

viaggio di nozze

Il viaggio di nozze è il seguito dolce di uno dei momenti più importanti nella vita di una coppia: il matrimonio. Un bel viaggio è quello che ci vuole dopo mesi di preparativi all’insegna degli imprevisti e, talvolta, dello stress. Non a caso è chiamato luna di miele: l’adozione di questa espressione risale all’antica Babilonia quando era usanza regalare agli sposi novelli una bevanda, l’idromele, in una quantità tale che potesse durare un intero mese. L’idromele, secondo la credenza, serviva a stimolare la fertilità. Da allora questa espressione è entrata nell’uso comune resistendo alle intemperie del tempo.

A tutti è capitato di fantasticare sulla meta da sogno del viaggio di nozze: che si tratti di un’isola immersa in acque cristalline o di una città in capo al mondo, nell’immaginario collettivo la luna di miele è sempre un viaggio fantastico, irripetibile ed indimenticabile. Tuttavia, proprio perché è l’ultimo passo di un percorso organizzativo durato diversi mesi che ha comportato un impegno economico molto importante, c’è un punto comune tra tutti i futuri sposi in grado di offuscare, anche solo per poco, la felicità insita nella conquista di un paradiso per due: il budget.

Il matrimonio porta con sé una spesa cospicua, in misura maggiore o minore, di cui il viaggio di nozze è parte integrante. Ma non lasciatevi spaventare con troppa facilità: le mete tra le quali poter scegliere sono davvero tante ed ogni coppia è in grado di poter trovare non solo quella maggiormente in linea coi propri sogni e gusti ma anche con le proprie possibilità. È possibile partire per il viaggio di nozze senza spendere un capitale e vivere l’esperienza indimenticabile che si è sempre sognati, basta non perdere di vista due elementi fondamentali: una buona pianificazione e tanta voglia di scoprire. A rendere unica la luna di miele sono i viaggiatori.

Ci sono tantissime mete da sogno tra le quali poter scegliere senza dar fondo al proprio portafogli, mete economiche che renderanno reale l’esperienza sulla quale per lungo tempo si è fantasticato. Per questo vi proponiamo la nostra top 3 delle mete economiche e sensazionali per il viaggio di nozze.

Mete economiche da sogno

Tunisia e Marocco

viaggio di nozzeDa sempre al centro delle mete low cost, Tunisia e Marocco sono l’ideale per tutte le coppie in cerca di un viaggio romantico e alternativo. Si tratta di due paesi ricchi di bellezze paesaggistiche, cultura locale e tradizioni millenarie. Mito, storia e cultura fanno da sfondo ad un viaggio dai toni caldi del deserto ed i tramonti spettacolari tra le dune di sabbia. Inoltre le possibilità di alloggio sono tante: una valida alternativa all’albergo è il riad, un tipo di architettura tipico del Marocco. I mesi ideali in cui viaggiare e risparmiare sono luglio ed agosto.

Spesa media per un viaggio di 15 giorni: €2500 a coppia.

Indonesia

viaggio di nozzeL’Indonesia è un paese ricco di tradizioni in cui poter abbinare bellezze storiche e naturali ad un mare spettacolare con una forte presenza di isole ed isolotti. Il periodo migliore per visitarlo va da maggio ad ottobre quando il clima è mite ed è scongiurata la stagione delle piogge. Ad incidere fortemente sul budget è il volo, tuttavia acquistando il biglietto senza troppo anticipo è possibile aumentare le possibilità di poter trovare sconti ed offerte particolari. Le strutture ricettive permettono un’ampia varietà di scelta con un range che va dal resort extra lusso alle tipiche abitazioni locali, che consigliamo vivamente per assaporare il fascino della tradizione locale.

Spesa media per un viaggio di 15 giorni: €3000 a coppia.

Antigua

viaggio di nozzeAntigua è una cittadina situata nel cuore del Guatemala che nel 1979 è stata dichiarata patrimonio dell’umanità dall’Unesco. Si tratta di un vero e proprio concentrato di storia e architettura: in ogni angolo è possibile restare estasiati dalle bellezze locali così come lasciarsi trascinare dal vortice di stradine del centro in cui si trovano numerosi mercatini all’aperto di varia natura. Inoltre Monterrico Beach non dista molto, quindi anche le lunghe spiagge ed il mare cristallino è a portata di mano.

Spesa media per un viaggio di 15 giorni: €3200.

 

Come usare le carte di credito e il bancomat all’estero

Per un viaggio all’estero non è necessario portare con sé tantissimo denaro contante ma basta controllare che possiate utilizzare la carta di debito.
Fuori dall’Italia potrete pagare con la carta di debito o prelevare denaro in un bancomat ma è importante che sia abilitata all’estero. Prima di partire, quindi, informatevi presso la propria banca se può essere usata e chiedete anche dei costi di commissione. Infatti ogni paese appartiene ad un’area, che può essere Sepa, in cui ci sono tutti i 31 paesi che utilizzano l’Euro, ed extra Sepa.

Il bancomat associato ad un circuito internazionale, come può essere una Visa o una Mastercard, permette di prelevare denaro negli sportelli Atm dopo aver digitato il Pin o pagare la merce. Non tutti i paesi accettano tutte le carte, per questo motivo è preferibile informarsi prima di partire.

Le commissioni in area Sepa sono come in Italia mentre, invece, in area extra Sepa si pagano e variano a seconda della banca, solitamente intorno al 2%. Ci sono, inoltre, dei massimali giornalieri e mensili da rispettare, cioè una somma totale che si può prelevare, e, spesso, all’estero sono più bassi rispetto all’Italia.

Anche con la carta di credito potrete prelevare denaro contante in tutto il mondo e, come per il bancomat, è preferibile consultare la propria banca per capire se la vostra carta è accettata, sulle condizioni di prelievo e le commissioni. Potrebbero esserci, in questo caso, delle spese legate al tasso di cambio e le commissioni sono più onerose del bancomat e sono intorno al 4% dell’importo che avete prelevato.

Controllate che la vostra carta di debito sia in buono stato e che non si presenti danneggiata per evitare un rifiuto della carta da parte degli ATM. Prima del prelievo, controllate che è possibile prelevare dall’ATM che avete scelto cercando il logo del vostro circuito sullo sportello. Il consiglio, però, che vi diamo è di partire sempre con una carta di riserva.

Insomma, in base all’uso che dovete fare, potrete scegliere se usare una carta di debito o di credito: il prelievo con la carta di debito è meno costoso rispetto alla carta di credito ma, ad esempio, per noleggiare un’autovettura o un albergo è necessario usare una carta di credito.

Cosa fare in caso di furto?

In caso di furto o clonazione, dovete chiamare subito la banca per bloccare la carta che avete perso. Se la carta rubata è usata prima di un’eventuale denuncia, si addebitano, per legge, fino a 150 euro massimo. Il denaro, dopo la segnalazione, è rimborsato tutto.