Centro e Sud America

Anguilla Caraibi: spiagge, quando e come andare

Anguilla vanta alcune delle spiagge più belle di tutti i Caraibi, luoghi incantevoli in cui rilassarsi e prendere il sole. L’isola, che è un territorio britannico d’oltremare, non è ancora stata invasa dal turismo di massa. Ed è una delle mete più care di tutti i Caraibi

Fino agli Anni ’80 non vi erano vere strutture turistiche sull’isola di Anguilla, territorio britannico d’oltremare nel Mar dei Caraibi. I primi investimenti di questo genere sono stati effettuati alla fine di quel decennio, ma è soltanto nel 2005 che l’amministrazione locale ha cercato di accelerare lo sviluppo dell’industria turistica. E’ impossibile dire se Anguilla diventerà come altre isole dei Caraibi, dove il numero di turisti supera quello degli abitanti. L’unica cosa certa è che l’isola, almeno per il momento, è una meta ancora tranquilla, dove le spiagge non sono troppo affollate e dove i resort non hanno rovinato i paesaggi della costa. Ad Anguilla vi sono alcune delle spiagge più belle di tutti i Caraibi, quasi tutte circondate dalla vegetazione tropicale. Meritano una nota anche i fondali di questo tratto dei Caraibi, soprattutto quelli che si trovano intorno agli isolotti corallinisituati intorno ad Anguilla. Ma tanta grazia ha un suo prezzo. Poiché è stata protetta dall’invasione del turismo di massa, Anguilla è diventata una meta esclusiva dove quasi tutto è molto caro, dagli alberghi ai ristoranti. L’isola ha un suo aeroporto, ma se arrivate dall’Europa farete bene a salire su uno dei voli diretti tra Parigi e St. Martin, che dista appena 20 minuti di motoscafo.

 

Anguilla: spiagge e immersioni

 

Una vacanza ad Anguilla si sviluppa essenzialmente in riva al mare. L’entroterra dell’isola è abbastanza spoglio, a causa di un terreno particolarmente arido, mentre a The Valley, l’unica cittadina di Anguilla, non vi sono molte attrazioni da visitare. A The Valley mancano quasi del tutto anche i monumenti coloniali che invece sono presenti in altre zone dei Caraibi. Gli inglesi, infatti, governavano Anguilla dalla vicina St. Kittis e non hanno avuto bisogno di costruire edifici governativi. Dopo aver dato uno sguardo alla Wallblake House, uno degli edifici più antichi dell’isola, vi conviene dirigervi verso le spiagge di sabbia bianca che sono il motore dell’industria turistica di Anguilla. A 3 chilometri da The Valley c’è la splendida spiaggia di Sandy Ground, che è anche la più affollata dell’isola. Intorno ad essa vi sono diversi resort, ristoranti e centri per le immersioni. Sandy Ground è popolata anche di sera, quando i turisti si siedono a bere una birra in locali come l’Elvis Beach Bar, il Pomphouse e il Rafe’s. Vi sono ristoranti e locali notturni anche intorno a Shoal Bay, situata nella parte settentrionale dell’isola. Shoal Bay è meno affollato di Sandy Ground è probabilmente è anche più bella. La sabbia è di un bianco abbagliante e le acque, di colore turchese, sono abitate da una miriade di creature marine. Gli appassionati di immersioni dovranno invece rivolgersi ad uno dei diving center dell’isola. Tra i fondali più belli ci sono quelli delle Sandy Islands, mentre al largo vi sono alcuni relitti adagiati in fondo al mare. Ma non si tratta di navi affondate in seguito ad incedenti. Le imbarcazioni in questione sono state affondate deliberatamente, per aumentare l’interesse degli amanti di subacquea.

 

Viaggio in Messico: cosa vedere e consigli per una vacanza fai da te

Il vostro sogno è quello di fare una vacanza in Messico ma non sapete dove cominciare? Leggete il nostro racconto di viaggio, vogliamo vedere se riusciamo a darvi delle dritte giuste per organizzarlo da soli.

Abbiamo trascorso otto giorni in Messico in un vero paradiso… spiaggia bianchissima, mare trasparente, all’ombra delle palme… non si poteva chiedere di più! La moneta ufficiale è il pesos messicano e, attualmente, ad 1 euro corrispondono ben 22,57 pesos messicani. La lingua ufficiale è la spagnola ma parlano bene anche in inglese nelle zone più turistiche. 

Al di la del relax di questa settimana, abbiamo fatto varie escursioni … ALLA SCOPERTA DEI MAYA!!!!

Prima tappa Tulum, raggiungibile con un’ora di bus da Playa del Carmen (nostra base di partenza). Le rovine dell’antica città si innalzano sull’alto di un precipizio roccioso flagellato dal mare dei Caraibi. Il suo perimetro è cinto. Sembra di trovarsi in una città fatta a misura e per il piacere dell’uomo , è circondata da spiagge meravigliose. Da visitare il Castello, il Tempio del Dio Discendente, il Tempio degli affreschi, il tempio del vento e la muraglia. Gita/Tour piacevole e non impegnativo. La guida poi vi racconta per filo e per segno la storia Maya di Tulum! Presenti in tutta l’area numerosissime ed innocue iguane che passeggiano tra le persone senza fare una piega! Non può mancare ovviamente un tuffo nella famosa Playa Paraiso… provare per credere!

Seconda tappa Coba. Passeggiando per 6 km immersi nella foresta bassa tropicale, oltre alle rovine, si può salire sull’unica piramide maya dove sia permesso. Il bello di questo posto sono la variegata flora e fauna che si ha il piacere di fotografare. Bella anche la laguna coi coccodrilli al lato del sito. Super apprezzati i risciò al rientro!

Per quanto riguarda il mare, le cose da fare sono tantissime, dalla moto d’acqua, al paracadute trainato dal motoscafo, per non dimenticare lo snorkeling.

Inoltre non sarà difficile assistere ad un matrimonio celebrato direttamente sulla spiaggia, con pochi invitati in infradito, un prete e un orchestra di un paio di persone!

In valigia non possono mancare assolutamente sombreri, simbolo del messico e stampe “Maya” portafortuna su pelle.

Ambergris Caye: guida all’isola più grande del Belize

Ambergris Caye si trova accanto alla seconda barriera corallina più lunga del mondo, quella mesoamericana. E’ per questo che è una destinazione particolarmente ambita da chi vuole immergersi, ma sull’isola vi sono anche splendide spiagge e una discreta vita notturna.

E’ situata in uno dei tratti più belli del Mar dei Caraibi e vanta una barriera corallina che è seconda soltanto alla Great Barrier Reef australiana. Ambergris Caye è l’isola più grande del Belize ed offre tutto ciò che ci si aspetta dai territori caraibici: spiagge di sabbia bianca, fondali ricchi di vita e temperature costantemente sopra i 20 gradi. Nonostante il nome di Ambergris Caye non dica quasi nulla ai viaggiatori europei, l’isola è conosciuta e frequentata dai turisti nordamericani da quasi quarant’anni, da quando, all’inizio degli Anni ’70, ha visto l’apertura dei primi alberghi e delle prime guesthouse. Oggi l’industria turistica è il motore economico di Ambergris Caye, che può vantare sistemazioni di tutti i prezzi e di tutte le categorie. Raggiungere l’isola dal Belize continentale non è affatto difficile. Da Belize City, la capitale dello stato centro-americano, ci si può recare ad Ambergris Caye con un’ora di taxi acquatico, o si può optare per uno dei voli che atterrano sulla piccola pista d’atterraggio dell’aeroporto dell’isola. Vi sono voli diretti sia da Belize City, sia dalla città messicana di Chetumal. Ambergris Caye è una striscia di terra che misura 40 chilometri di lunghezza ed appena 1,5 chilometri di larghezza. Le sue spiagge sono suggestive, così come è suggestiva la barriera corallina mesoamericana, che passa accanto all’isola. Si tratta della più lunga barriera corallina dell’emisfero occidentale e di quello settentrionale, nonché della seconda barriera corallina per lunghezza dopo quella australiana.

 

San Pedro e riserve marine

La principale località dell’isola è la cittadina di San Pedro, che è anche il cuore turistico di Ambergris Caye. E’ qui, infatti, che sono concentrati gli hotel, i ristoranti e i diving center dell’isola. Negli ultimi anni San Pedro è cresciuta a dismisura, ma conserva ancora un’atmosfera caraibica, con i suoi edifici dai colori pastello e le locande che servono rum e tequila. Nella cittadina vi è anche una discreta vita notturna, tra qualche locale in cui si balla latino-americano, numerosi bar fronte-spiaggia e un paio di pub sponsorizzati dalla Belikin, la birra locale. A San Pedro vi sono anche alcune spiagge interessanti che si affacciano su un mare particolarmente limpido. Le spiagge di Ambergris Caye sono di sabbia bianca, ma sono anche di origine corallina ed è per questo che passeggiarvi a piedi scalzi potrebbe essere fastidioso. Consigliamo inoltre di affittare l’attrezzatura per immergersi. I fondali che si trovano intorno all’isola ospitano una miriade di specie marine, tra cui l’enorme squalo balena. Nei pressi di Ambergris Caye vi sono due riserve marine interessanti. La prima, quella di Hol Chan, si trova 8 chilometri a sud dell’isola, mentre la seconda, quella di Bacalar Chico, si trova poco più a nord, vicino alla penisola messicana dello Yucatan.

Cosa vedere in Guatemala: consigli per un viaggio fai da te

viaggio in guatemala

Il Guatemala è una terra dalle origini molto antiche, infatti vi sono reperti archeologici dei Maya che risalgono al 2000 A. C. Fare un viaggio in Guatemala è un’ottima opportunità per unire il divertimento alla cultura. Oltre a numerosi monumenti antichi che continuano ad attirare e stupire milioni di visitatori, si potrà vivere la movida notturna sulle spiagge e nelle città. Vi ritroverete catapultati in strade antiche e tradizioni millenarie, antichi sentieri tortuosi che vi condurranno anche fuori dai centri abitati per visitare le maestose costruzioni archeologiche dei Maya. Splendidi paradisi naturali, tradizioni antiche e monumenti dei Maya saranno la cornice del vostro viaggio in Guatemala, una meta davvero sorprendente che lascerà un ricordo unico e raro nei vostri diari delle vacanze. Nei prossimi paragrafi vi consiglieremo gli itinerari più suggestivi da inserire nel programma del vostro viaggio in Guatemala.

 

L’ombelico del mondo: il Lago Atitlan

 

Il Lago Atitlan si raggiunge in modo facile sia da Città del Guatemala che da Antigua, ed è considerato il lago più belo dell’America Latina. Si estende tra vulcani e offre uno splendido panorama naturale sopra lo specchio delle sue acque smeraldo, su cui riflettono i vulcani e le sponde selvagge dei boschi e della natura. È un luogo sempre molto visitato dai turisti. Sono molti gli hippies che vivono sulle sponde del lago che offre tutti gli ingredienti per un viaggio in paradiso ideale soprattutto per gli amanti dell’escursione. Il Lago di Atitlan è considerato l’ombelico del mondo per la sua bellezza naturale e il panorama mozzafiato che offre.

 

Antigua: un paradiso di cultura e tradizioni

 

A un’ora da Città del Guatemala si trova Antigua, una città ricca di storia e cultura, la cui architettura presenta un incredibile squarcio di monumenti, chiese e strade antiche da visitare. Un patrimonio storico sterminato e numerose strutture per ospitare il turismo per tutti i gusti e tutte le tasche, dagli hotel più costosi agli ostelli più economici. Antigua fu la capitale del paese e presenta ancora molti reperti antichi del popolo Maya. Parque Central è il centro artistico ed economico della città, si potranno incontrare artisti di strada, mercatini e assaggiare prodotti di cucina tipica.

 

Flores e Tikal: tra laghi, foreste e piramidi Maya

 

Immerso nel lago Peten, Flores è un piccolo paese che spunta dalle acque, molto caratteristico e alle spalle della foresta tropicale. Da Flores si può raggiungere facilmente Tikal il più famoso sito archeologico del Guatemala dedicato ai Maya. Il Parco Archeologico ci offre le splendide piramidi dei Maya, immerse nella giungla. Un luogo ideale dove trascorrere le vacanze, assolutamente obbligatorio da inserire nell’itinerario del viaggio in Guatemala.

Cosa vedere in Messico: consigli per un viaggio rilassante

viaggio in messico

Un viaggio in Messico rappresenterà l’esperienza giusta per unire una vacanza al mare e visitare i luoghi archeologici più stupefacenti e più antichi del mondo. Un’occasione per visitare paradisi naturali e coste deserte, un luogo lontano dal turismo di massa ma ampiamente frequentato dai turisti. Sono molti i luoghi da visitare in Messico, per organizzare il viaggio è bene essere informati sulle città più belle e le mete più intriganti da inserire nell’itinerario. Scegliendo questa meta potrai facilmente unire la cultura e la storia al divertimento e allo splendido mare.

 

Città del Messico, storia cultura e turismo

Capitale e luogo di turismo, Città del Messico rappresenta una meta obbligatoria per il viaggio in Messico. È una città molto grande ma sarà possibile visitarla completamente grazie alle dodici linee metropolitane. Un mix di arte, cultura e tradizione è racchiuso nella città, i luoghi di maggiore interesse sono il Palacio Nacional, la Cattedrale metropolitana e il quartiere di San Angel. Il centro storico è molto suggestivo e le costruzioni antiche sono maestose e ben tenute.

 

Cancun, città di movida e di corrida

Una città adatta per chi ha voglia di movida notturna e non solo. Cancun presenta le spiagge più belle del Messico: Playa Langosta, Playa Tortugas e Playa Caracol. È la capitale del divertimento e potrete sbizzarrirvi in discoteche, locali e pub e nelle interminabili feste sulle spiagge che durano tuta la notte. Se volete qualcosa di diverso da acque limpide e spiagge cristalline, potete sempre vedere una corrida a Plaza de Toros.

 

Acapulco, prima spiaggia a sinistra

Sulla costa pacifica potrete fare il bagno nelle acque limpide delle meravigliose spiagge di Acapulco: prima spiaggia a sinistra, come il film di Gigi e Andrea. Se si vuole avere un’idea del luogo e della sua bellezza si può guardare il film, o magari prenotare per una vacanza sulle spiagge di Condresa, dove ci sono gli alberghi migliori della costa. Se si vuole vedere degli splendidi tramonti invece, Pie della Cuesta è la spiaggia ideale. Il promontorio di Quebrada offrira 45 metri di pericolo per i più audaci che amano i tuffi dalle alture.

Guadalajara, la capitale della cultura

Guadalajara rappresenta un punto di incontro per gli amanti dell’arte e dell’archeologia, infatti molte costruzioni appartengono al patrimonio UNESCO. La splendida Cattedrale in stile barocco, il Teatro Degollado e la Biblioteca pubblica, sono sono alcuni dei luoghi da visitare nella capitale della cultura. Oltre a un’intensa attività culturale, la città presenta anche divertimenti notturni e una movida sfrenata per i più giovani.

Viaggi indimenticabili: 5 mete da fare assolutamente nella vita

Viaggi indimenticabili

Viaggi indimenticabili

Viaggi che cambiano la vita, quelli da fare almeno una volta, quelli che lasciano un segno, una traccia che renderà tutto diverso. Sono i viaggi indimenticabili, sogni ad occhi aperti che fanno venir voglia di lasciarsi tutto alle spalle mossi da un unico grande desiderio: la scoperta di nuovi mondi.

Chi non si è mai ritrovato a fantasticare sulle mete irraggiungibili così lontane da pensare che resteranno solo tali, dei sogni fantastici. Ma è proprio nel sogno ad occhi aperti che si concretizza il desiderio più intimo di fuga dalla realtà. Vi siete mai chiesti perché si è portati a fantasticare la maggior parte delle volte su terre lontane dalla nostra? Forse perché la meta indimenticabile è intimamente collegata al timore verso ciò che non si conosce o forse perché indimenticabile vuol dire rottura totale degli schemi.

Qualunque sia la connessione che siamo portati a fare c’è un solo dato certo: indimenticabile è solo ciò che rendiamo tale, vicino o lontano.

Per questo. libero sfogo alla fantasia e provate ad immaginarvi in una delle nostre 5 proposte per un viaggio da sogno.

TOP 5

Koh Phi Phi – Thailandia

Viaggi indimenticabiliLa Thailandia è soprannominata la terra del sorriso ed è uno di quei paesi che per il carico di storia e l’estrema gentilezza dei suoi abitanti resta impresso nella mente. Inoltre non si può non restare abbagliati dal mix di odori, sapori e suoni che invadono l’aria. Il paese offre una pluralità di attrattive tra isole, parchi e montagne situate nel nord. Koh Phi Phi è situata nella costa dell’ovest ed è da molti considerata l’ultimo paradiso: non a caso è proprio qui che è stato girato il film The Beach con Leonardo Di Caprio. Tramonti mozzafiato e splendide acqua, adatte per lo snorkeling, valgono la menzione nella top 5.

Namibia – Africa Meridionale

Viaggi indimenticabiliIl deserto del Namib, da cui prende il nome, è il più antico del pianeta e il tratto dominante dell’intero paese.  Abitata prevalentemente da boscimani la Namibia è una terra di  forte contrasti, come buona parte del continente africano: l’aridità del terreno e le immense savane fanno da spalla ad incredibili riserve naturali, paesaggi di inestimabile bellezza ed estrema cortesia dei suoi abitanti. Se avete mai pensato ad un safari, questo è il posto giusto per poterlo fare.

 

Cusco – Perù

Viaggi indimenticabiliÈ considerata la capitale storica del paese perché fu capitale dell’impero Inca: il suo nome in quechua vuol dire ombelico del mondo. È difficile non restare impressionati dalla bellezza del centro storico: gli occhi sono rapiti dalla storia millenaria che si respira in ogni dove. È infatti così ricca di meraviglie che è il posto ideale per chi ha voglia di godersi una vacanza senza fretta lasciandosi trasportare dal ritmo della storia su una delle vette più alte del mondo. Consigliamo il cammino per raggiungere il Machu Picchu, il cammino Inca di due giorni ad un’altitudine di oltre 2000 metri.

Daintree Rainforest – Australia

Viaggi indimenticabiliL’Australia è il sogno di molti, in particolare per i surfisti. Sarà per le lunghe coste  o per i venti favorevoli, questo paese attira orde di turisti in misura sempre maggiore da ogni parte del mondo. Se la mancanza di mezzi di trasporto frequenti non vi spaventa e volete ardentemente uno scenario unico al mondo la Daintree Rainforest è il posto adatto per voi: una sola corsa di autobus al giorno per condurvi in questa foresta pluviale tra felci, liane e mangrovie ma anche pipistrelli giganti, farfalle e pappagalli.

Vientiane – Laos

Viaggi indimenticabiliVientiane è la capitale della Repubblica Popolare Democratica del Laos. Viaggiare nel Laos è sempre un’avventura grazie ad una territorio estremamente variegato con montagne isolate e rurali e città che vivono un forte influsso turistico e le 4000 isole  che compongono la nazione. Nella capitale tappe obbligatorie sono i templi Wat Si Sakhet ed il Phra That Luang e la piana delle Giare. Se ai i viaggi indimenticabili volete aggiungere un tocco di mistero questa piana è quello che fa per voi: è ricoperta da migliaia di gigantesche giare  ma perché siano lì e come siano state costruite è ancora un enigma.

Viaggio in California: 3 itinerari tra mare, parchi e gusto

Viaggio in California

 

Il viaggio in California rappresenta nell’immaginario collettivo una tappa fondamentale da fare almeno una volta nella vita. Questo perché siamo cresciuti a suon di film e serie tv che hanno reso questa terra talmente familiare che non visitarla sarebbe quasi un sacrilegio nei confronti di un’adolescenza passata tra le storie al limite del melodramma di Beverly Hills 90210 e i salvataggi in acque non più alte di mezzo metro di Baywatch.

Il viaggio in California, però, è molto più che catarsi adolescenziale. È West Coast, Oceano Pacifico, Hollywood e i famosi vitigni della Napa Valley.

Prima di addentrarci nelle meraviglie di questo stato, partiamo da alcune informazioni preliminari. È il terzo stato per estensione, con una superficie oltre 420000 km2, dopo Texas ed Alasxa. La geografia californiana è molto variegata. Infatti, è coperta da deserti per il 25% e da foreste per il 45%. Anche il clima ne risulta molto vario con temperature tiepide da novembre ad aprile, con poca pioggia e sole decisamente gradevole, preambolo delle lunghe e calde estati.

Prepararsi al viaggio in California: cosa non dimenticare

– Passaporto valido almeno da 6 medi dalla data di arrivo
– ESTA: sistema elettronico online richiesto per l’ingresso negli Stati Uniti (da fare online)
– Patente di guida internazionale (rilasciata dall’Ufficio provinciale della Direzione Generale della Motorizzazione Civile previa esibizione della patente in possesso in corso di validità)
– una carta di credito, obbligatoria in caso di noleggio di auto
– creme ed occhiali da sole
– navigatore ed una buona guida di viaggio
– almeno un bagaglio leggero: in California ci sono tantissimo stores di marchi internazionali, tipo Adidas, con prezzi decisamente molto bassi.

Stabilito il necessario vi proponiamo alcuni itinerari di viaggio alla scoperta del Golden State.

1. La costa: San Francisco, Los Angeles, San Diego

Viaggio in CaliforniaCirca 1600 km di itinerario alla volta dei gioielli urbani della Pacific Coast Highway. Lasciatevi conquistare dalle salite e repentine discese di San Francisco dalle quali poter ammirare l’eclettismo architettonico della città: dai finestroni del tram i vostri occhi non potranno sottrarsi alla bellezza dello stile vittoriano che è predominante ovunque. Tappe fondamentali: il Golden Gate che unisce la baia con l’Oceano Pacifico e il quartiere di Chinatown, il più grande tra i quartieri cinesi americani. Con San Diego e Los Angeles potrete beneficiare del sole californiano e non solo. Vi consigliamo infatti una visita al SeaWorld e al San Diego Zoo, per ristorarvi dai paesaggi marini prima di dedicarvi all’industria cinematografica: Walk of fame e Hollywood sono fondamentali, ma non dimenticate il Getty Museum ed Echo Park.

Tempo stimato di viaggio: 20 giorni.

2. L’entroterra: Sacramento, Sierra Neveda, Death Valley National Park

Viaggio in CaliforniaSiamo intorno ai 1000 km per questo itinerario della Corsa all’Oro. Lasciatevi trasportare dalle numerose testimonianze dei Miwok, degli Shonommey e degli Maidu, le tribù indiane che l’hanno abitata in passato, e immergetevi nell’Old Sacramento tra i vecchi fabbricati storici, le botteghe e il California State Indian Museum. Questo itinerario è all’insegna delle bellezze naturali nelle sue tappe successive: la Sierra Nevada rende necessaria una tappa al Lago Tahoe, splendido lago d’acqua dolce esteso per circa 490 km2 (in alcuni punti tocca una profondità di circa 501 metri) e al Parco Nazionale di Yosemite in cui potrete ammirare, oltre alle famosissime Grizzly Giant (sequoie giganti) una natura in buona parte allo stato selvaggio. Infine la Death Valley vi lascerà senza fiato: chilometri di valle in cui poter ammirare le colline di Zabriskie Point, le dune di sabbia di Mesquite Flat e la città fantasma di Rhyolite. Se volete cimentarvi in un’escursione non potete perdere l’Ubehebe Crater, uno stupendo cratere che si trova nella porzione nord-occidentale del parco.

Tempo stimato di viaggio: 14 giorni.

3. I vigneti: da San Francisco a Napa e Sonoma

Viaggio in CaliforniaL’ultimo itinerario è dedicato agli appassionati dei tour enogastronomici, in questo caso specifico agli amanti del vino. Partendo da San Francisco si procede verso nord in direzione Wine Country. Ettari ed ettari di vitigni si estendono sulle dolci colline del territorio. Di villaggio in villaggio, di cantina in cantina imparerete ad assaporare i sapori più rustici della California. La Napa Valley è l’area vinicola più famosa con il suo Cabernet Sauvignon mentre a Sonoma
le produzioni più affascinanti riguardano vini prodotti con Pinot Nero e Chardonnay.

Tempo stimato di viaggio: 10 giorni.

Maceio: cosa vedere e le spiagge da scoprire

maceio

Maceio è il posto più bello del nordest brasiliano. Gran parte dei visitatori, però, vedono solo le spiagge urbane e non si avventurano nel nord e nel sud della città dove ci sono spiagge ancora più belle e un mare più pulito. Secondo le classifiche e le ricerche, Maceio è tra le città più pericolose del mondo ma, con un po’ di attenzione, si possono evitare situazioni spiacevoli. Non fidatevi di nessuno e fate acquisti in negozi sicuri.

Inoltre, dopo una giornata al mare, Maceio accoglie il turista con una serie di ristoranti, anche etnici, dove potete assaggiare tutta la cucina del Brasile (e non solo). La sua vita notturna è famosa per le numerose discoteche e locali in cui conoscere gente.

Il periodo migliore per visitare Maceio è tra settembre e marzo. A maggio e giugno è molto probabile che troverete piogge ma il mare è bello tutto l’anno, anche se, in piena estate, ha un altro colore. Se volete trascorrere il capodanno qui, è meglio prenotare in anticipo.

A gennaio i cittadini di Maceio si spostano a Barra de São Miguel, 30 km a sud, dove si tiene anche il carnevale della regione.

maceio brasile

Per arrivare a Maceio, dovete prenotare un volo da Rio de Janeiro, Sao Paulo, Brasilia, Salvador, Recife o Aracaju per non fare scali. Se, invece, volete andare a Sao Miguel dos Milagres, dovete noleggiare un auto perché si trova a 100 km verso nord mentre, invece, Maragogi si trova a 130 km. Se partite da Aracaju, vi consigliamo di spostarvi in auto percorrendo la strada BR 101.

A Maceio trovate un alloggio lungo il lungomare Pajuçara, dove troverete tanti alberghi e negozi turistici ma se cercate qualcosa di autentico, andate a Ponta Verde, che è, senza dubbio, il quartiere più interessante. L’altro grande polo alberghiero della città è

Il quartiere più interessante di Maceió, tuttavia, è la Ponta Verde, Pajuçara è nelle vicinanze. In questo modo si la spiaggia più bella e si sentono un luogo più residenziale e meno turistica.

L’altro grande polo alberghiero della città è nel quartiere Jatiúca, dove sono gli alberghi sono più organizzati ma il mare non è balneabile. Fuori città, invece, vi consigliamo di prendere un resort a Pratagi o ad Ipioca.

Un’attrazione da vedere a Maceio è il Canyon do Xingó. Noleggiate un’auto e, in cinque ore, potrete godervi un percorso fantastico. Fermatevi a Piranhas, alloggiate in un ostello e raggiungete il canyon affidandovi ad un tour che vi traghetterà su un catamarano e vi farà fare il bagno in una vasta area delimitata, però, da una rete. Dopo il giro in catamarano, tornate a Piranhas e fate un bagno nelle acque cristalline del Rio São Francisco ma ricordatevi di portare sempre contanti perché molti negozi ed alberghi non accettano le carte di credito.

canion do xingo

La città di Piranhas è molto piccola e graziosa, merita una visita attraversando le sue strade e vivendo la sua cittadina.

Non ci sono pedaggi sulla strada o provenienti e spenderete di benzina circa 200 R $. La strada è ben segnalata ma, se volete risparmiare, vi consigliamo di prendere un autobus da Maceio.

Infine non perdete il Parque Municipal de Maceio, ad ingresso gratuito, dove è possibile fare lunghe passeggiate e picnic. Troverete la foresta atlantica in una città e capirete, in un attimo, tutta la bellezza del Nordest brasiliano.

Le spiagge di Maceio

Le spiagge migliori a Maceio sono a Maragogi, dove troverete tantissime piscine naturali e un paesaggio paradisiaco. Nove spiagge che si alternano lungo tutta la costa e un mare dai colori unici. Fermatevi a Burgalhau, a Barra Grande e a Ponta do Mangue.

La seconda spiaggia che vi consigliamo è Gunga Beach, dove troverete un paesaggio mozzafiato incorniciato dalle palme. Fate qualche escursione e riposatevi. Qui, a Barra de São Miguel, troverete anche diverse strutture alberghiere dove trascorrere la notte.

La praia de Ipioca è il posto migliore per fare un bagno in un’acqua tiepida e accogliente e stare distesi su una sabbia bianca e finissima. La spiaggia si trova a 25 km a nord di Maceio, non è molto popolata ed è consigliato un pasto al ristorante bar Hibiscus.

Praia do Frances è popolare ma è una spiaggia splendida, una lingua immensa di sabbia che si incontra col mare, perfetta per passeggiare e rilassarsi. Si trova nel litorale sud di Maceio.

Infine vi consigliamo la spiaggia di Paripueira, nel Litoral Norte di Maceio, comoda da raggiungere e piena di italiani. Selvaggia e senza troppe infrastrutture, ha una serie di barracas dove degustare il pesce e granchi cucinati in tantissimi modi.

 

 

 

Curitiba, 10 cose da vedere nella smart city del Brasile

curitiba brasile

 

Curitiba è la capitale del Paraná, stato del Brasile meridionale e una delle città più organizzate e belle del Brasile, molto boscosa, ricca di giardini e parchi e con diverse opzioni ricreative. Per aiutarvi nella scelta delle cose da vedere, vi abbiamo preparato una lista delle dieci attrazioni turistiche più visitate di Curitiba, che meritano decisamente una visita.

Giardino Botanico

giardino botanico curitiba

La più famosa cartolina di Curitiba è senza dubbio il Giardino Botanico. Pertanto, è d’obbligo per ogni viaggiatore! Famosa per le sue serre art deco in vetro (ispirate al Crystal Palace di Londra), e per i giardini geometrici, funziona come un centro di ricerca per la regione del Parana e contribuisce al mantenimento e alla conservazione della natura, fondamentale per l’educazione ambientale in città. Inoltre, ovviamente, è un parco a disposizione di tutti. Qui potrete ammirare armadilli, rane, opossum oppure chiudere gli occhi e concentrarvi sul profumo dei fiori.

Opera de Arame

opera de arame

L’opera de Arame è un’altra attrazione turistica famosa a Curitiba. Con una capienza di oltre 1.500 persone, è stata costruita tutta in metallo, con pareti trasparenti, su un lago. Situata nel Parque das Pedreiras, forma con lo spazio culturale Paulo Leminski un grande complesso destinato ad arte e cultura e per gli eventi all’aperto.

Museu Oscar Niemeyer

museu oscar niemeyer

Un altro luogo importante della città è il Museu Oscar Niemeyer. Meglio conosciuto come il Museo degli occhi, a causa della forma della sua costruzione, il museo ha una sua collezione privata e ospita mostre temporanee. Inoltre, i suoi giardini sono uno spazio ideale per fare un picnic. Il programma degli eventi è disponibile sul sito ufficiale del museo.

Bairro de Santa Felicidade

bairro santa felicidade curitiba

Il Bairro de Santa Felicidade è un quartiere tradizionale di Curitiba famoso perché luogo di conservazione della cultura italiana. Le sue strade e le case hanno una matrice chiaramente italiana e potrete toccare con mano i profumi e i sapori della cucina nostrana. Vi consigliamo di visitare il quartiere quando c’è qualche festa tipica italiana per poter fare un viaggio indietro nel tempo in un’Italia che non esiste più e che è solo nella mente dei nostri emigrati in questa città del Parana.

Parque Barigui

parque barigui

Curitiba ha diversi parchi e uno dei più famosi e visitati è il Parco Barigui. Situato nel centro della città, è un grande rifugio per la fauna selvatica, come per i capibara.
Il parco offre tanti servizi per i visitatori, come barbecue, gazebo, palestra, campi sportivi, parcheggio, ristorante e parco divertimenti. Ospita anche il Museo dell’Automobile, una sala espositiva e la sede del Dipartimento Municipale per l’Ambiente.

Bosque Alemao

bosque alemao

Un altro parco che merita una visita è il Bosque Alemao. Situato in uno dei punti più alti, offre una splendida vista sulla città. Con boschi e sentieri, offre molte opzioni per il tempo libero. Chi visita il Bosque tedesco non può non provare l’apfelstrudel tedesco, dolce tradizionale a base di mela, dimenticandosi per un attimo della città.

Parque Tanguá

Situato sulle rive del fiume Barigui, il Parque Tanguá è una zona ricreativa con un sacco di verde. La sua struttura è perfetta per fare jogging e per andare in bicicletta. Inoltre è assolutamente consigliato di attraversare a piedi un tunnel aperto nella roccia che congiunge i laghi.

Feira do largo da Ordem

Se volete acquistare souvenir e andare sul sicuro, visitate questa fiera. Situata in una zona storica della città, ha più di 1.000 tende distribuite in 8 blocchi. Qui potrete trovare oggetti di ogni tipo, quadri, libri, borse, gioielli, souvenir della città, indumenti e altri prodotti realizzati da artisti locali.

Rua XV de Novembro

Per conoscere al meglio Curitiba, bisogna percorrere le strade del centro e Rua XV è una tappa obbligata. Chiusa alle auto, è formata da numerose aiuole e, per questo motivo, è stata soprannominata Rua das Flores. Inoltre, per tutta la sua lunghezza si trovano numerosi negozi, caffè e ristoranti dove potervi ristorare.

Viaggio in treno da Curitiba a Morretes

treno curitiba morretes

Il viaggio in treno da Curitiba a Morretes, che taglia la Serra do Mar, è una delle attività obbligate da fare a Curitiba. Il viaggio dura circa tre ore e durante il percorso ci sono ponti, gallerie, montagne coperte di foresta atlantica e una vista mozzafiato. Inaugurato nel 1885, è ritenuto il più bel percorso ferroviario del mondo. Morretes, inoltre, è una piccola città storica del Paraná dove assaggiare il Barreado, un gustosissimo piatto tradizionale.